Vai al contenuto
Home » Articoli » Coaching e prevenzione degli infortuni

Coaching e prevenzione degli infortuni

    Il coaching può essere un valido strumento per chi voglia usufruire di una programmazione personalizzata sulle proprie esigenze. Accanto al miglioramento delle performance, l’obiettivo è la prevenzione degli infortuni.

    L’ESPERIENZA DI SILVIA: RICOSTRUIRE L’ATLETA DALLE FONDAMENTA

    Silvia al termine di una gara
    Silvia al termine di una gara

    L’inizio del progetto non è stato semplice principalmente per il suo pregresso e l’alto numero di infortuni. La nostra prima chiamata fu molto lunga, compresi sin da subito la sua frustrazione, un’emozione dettata dall’incapacità di poter svolgere quella che dovrebbe essere un’attività appagante e rilassante.

    Inizialmente sono intervenuto insegnandole e modificandole la tecnica di corsa basata sull’utilizzo corretto delle braccia ed una più efficiente posizione del busto durante la corsa. In seconda battuta ho ridotto drasticamente i volumi settimanali di km, resettando completamente il suo allenamento. Siamo ripartiti dalle basi e da allenamenti semplici. Via via che il suo fisico reagiva senza fastidi abbiamo introdotto le ripetute e l’allenamento è passato dall’essere principalmente volumetrico (prima di conoscerci) all’essere ora qualitativo. Meno volumi ma più qualità e intensità. Ne ha beneficiato il suo ritmo di corsa su ogni distanza ma principalmente la sua salute, cosa decisamente prioritaria. Silvia ha ritrovato quindi la gioia di correre e gareggiare.

    Da quattro anni sono seguita da Alessio mediante i suoi programmi di allenamento settimanali. Gli strumenti che utilizziamo sono prevalentemente WhatsApp e le chiamate per i feedback post allenamento e l’applicazione Garmin Connect per verificare tutti i parametri. Ci vediamo con una bassa frequenza di appuntamenti, principalmente per monitorare gli aspetti tecnici e la tecnica degli esercizi di potenziamento.

    MASSIMIZZARE IL RENDIMENTO ALL’INTERNO DELLA PROPRIA ROUTINE QUOTIDIANA

    Gli allenamenti vengono studiati in base alle mie esigenze logistiche, disponibilità di tempo, giorni ed orario di allenamento. Dopo ogni corsa gli invio i miei feedback e lui fa le sue valutazioni in base alle quali struttura poi gli allenamenti successivi.

    Il vantaggio del coaching è la possibilità di gestire e incastrare gli allenamenti nella propria routine quotidiana con la massima libertà e nello stesso tempo avere la certezza di svolgere un allenamento efficace e adeguato.  In sostanza, significa ottenere costantemente miglioramenti e lasciarsi alle spalle gli infortuni. Si viene supportati, incoraggiati quando necessario e stimolati poiché Alessio è  sempre disponibile e pronto ad effettuare modifiche e aggiustamenti.

    All’inizio pensavo che la difficoltà maggiore sarebbe stata la non-conoscenza: io e Alessio ci siamo visti la prima volta, ho descritto la mia situazione e i miei obiettivi ed abbiamo iniziato a lavorare insieme. Onestamente qualche perplessità c’era, invece dopo due anni posso dire di essere soddisfatta. Ho scelto di farmi seguire perché ero perennemente infortunata, dolori alla schiena ed all’osso sacro, tutti dovuti ad un allenamento pregresso non corretto ed a tratti esagerato nei volumi. Il mio obiettivo e la mia ambizione era non infortunarmi più, correndo lunghe distanze. La maratona resta la mia principale passione. Ci siamo riusciti. Lavorando per obiettivi graduali e sempre alla mia portata abbiamo preparato tre maratone, svariate mezze e adesso lavoriamo su un’ultra maratona. È chiaro che sulla positività della mia esperienza non ci sia altro da aggiungere. Le performance sono importanti ma prima di tutto la prevenzione degli infortuni!

    Per approfondire: